Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Usa le opzioni di Opt-out del tuo browser se vuoi disabilitare i cookie.

Accademia Grafologica Crotti di Edvige Crotti

Evi Crotti Internazionale

Cartina geografica della provenienza dei visitatori al sito web evicrotti.com:

...oltre 100 Stati   ...oltre 1500 città italiane 

...oltre 31.000 visualizzazioni video Youtube

Aldo Moro racconta il suo Calvario nei suoi manoscritti

Nel 1978, attraverso il quotidiano “Il  Giorno” fui incaricata da Cossiga, allora Ministro  degli  Interni,  di  analizzare  lo  scritto  giunto  dalle  Brigate  Rosse  e  di confrontarlo con la scrittura precedente il sequestro, per stabilirne l’identità di mano. Così fu fatto e venne dimostrato che la mano era proprio quella di Aldo Moro che scriveva dalla prigionia.
Il 24 ottobre 1990, durante la ristrutturazione del già visitato (nel 1978) covo delle brigate rosse in via Monte Nevoso, 8 a Milano, viene scoperta, dietro un pannello in cartongesso, la raccolta delle 400 lettere manoscritte di Aldo Moro in fotocopia.

Tramite l’allora direttore del settimanale “Europeo”, dott. Vittorio Feltri, ci venne consegnato l’intero dossier (totale di 421 pagine manoscritte) con il compito di analizzarlo e descrivere l’evolversi dello stato psicofisico del leader democristiano durante la prigionia. Nel n° 7 del 15 febbraio del 1991 viene pubblicato il nostro articolo sull’Europeo a titolo “Il grafologo svela i segreti di Aldo Moro”. Ora,  dopo  quarant’anni  dalla  morte  dello  statista  barese,  senza  volersi addentrare nel “caso Moro politico” il nostro intento è quello di mettere in luce il  Calvario umano che questo uomo ha vissuto, dove fede, famiglia e senso civico gli hanno permesso di affrontare una situazione a dir poco assurda.

Per fare ciò abbiamo voluto estrapolare una serie di piccole frasi, tratte dalle 400 lettere, indicatrici non tanto del fatto politico quanto di quello umano.

LEGGI L'ARTICOLO

Hitler, l'uomo che non doveva nascere

E’ uscita la nuova edizione del volume “Hitler, un uomo che non doveva nascere”. L’opera è corredata di molte scritture e firme del dittatore nazista e dei suoi collaboratori più stretti e ciò può essere di grande utilità soprattutto per chi si occupa di perizie grafotecniche.

 

  ACQUISTA SU AMAZON (versione cartaea e ebook)

Scuola Triennale di GRAFOLOGIA

Aperte le iscrizioni per l'anno scolastico 2017 / 2018

Da quest’anno la scuola avvia una collaborazione fattiva con medici, psicologi, giudici e avvocati per dare a questa scienza un linguaggio e una credibilità maggiori e un’immagine sempre più positiva al professionista grafologo (legge 4/2013).

La scuola Crotti è la prima scuola morettiana, fondata nel 1975 da Evi Crotti, allieva diretta di padre Girolamo Moretti e collaboratrice di padre Luisetto. Collabora con diverse Università, Istituti e Cliniche per una conoscenza sempre più ampia e scientifica della materia, come propongono le moderne neuroscienze.
Pur non alterando nella sostanza il metodo morettiano, la scuola cerca di essere in linea coi cambiamenti dei tempi che impongono aggiornamenti per interpretare il moderno modo di scrivere, soprattutto dei giovani.
Il corso completo di grafologia prevede due anni base, dopo i quali si può accedere ai corsi di specializzazione. Dopo il terzo anno di frequenza, superato l’esame teorico e pratico, si ottiene l’attestato di “CONSULENTE GRAFO-DIAGNOSTICO”.
A conclusione dei tre anni, dopo il superamento dell’esame interno, lo studente è ammesso a sostenere l’esame nazionale dell’A.G.P. - Associazione Grafologi Professionisti.

LEGGI IL DEPLIANT INFORMATIVO

CLICCA QUI E SCARICA LA DOMANDA DI ISCRIZIONE

Il Giornale.it

Newsletter

Nome*
Cognome*
Email*


Chiede di essere iscritto alla newsletter

Autorizzo il trattamento dei dati personali come da informativa sulla privacy


I campi contrassegnati con * sono da compilare obbligatoriamente!